Morariu Ana


"Da quando sono venuta in Italia mi sono sempre occupata dell’orto, mi piaceva tantissimo e mi dava una mano anche mio marito. 5 anni fa lui è mancato per un tumore e sono rimasta sola. Sono del ’59, sono venuta a Sambuco nel 2006. In Romania ho fatto il liceo agricolo, ma non ho seguito la mia strada perché all'epoca non c'era possibilità di fare tante cose per via del comunismo, poi mi sono sposata, mi sono separata e sono arrivata In Italia. La famiglia di mio marito aveva già un’azienda agricola, ma quando sono arrivata mio suocero era già malato e l'azienda era già chiusa; con mio marito pensavamo di andare avanti un'azienda non proprio con ortaggi, c'era in progetto di fare qualcosa, invece è successo quello che è successo. Io lavoravo in una casa di riposo a Vinadio. Poi ho avuto dei problemi di salute e ho dovuto smettere per curarmi. Quando sono guarita ho deciso di seguire questa strada con l'azienda agricola e ho fatto tutte le pratiche.

Io produco e vado a fare i mercati, per adesso Sambuco, Demonte e Vinadio, ma sono in graduatoria per fare anche Cuneo. Per muovermi mi sono comprata un furgoncino. Ho quasi 10.000 mq di terreno, non faccio tutto orto, in una parte faccio il fieno ma lo fa un ragazzo del paese: io gli do il fieno, lui mi gira la terra, facciamo uno scambio. Ho sempre avuto delle galline ma erano poche, quest'anno ho deciso di averne di più; è un lavoro che mi dà tanta soddisfazione anche se è pesante. Ad esempio tutte le mattine pulisco dietro alle galline perché non mi piace camminare sulla loro sporcizia. Qualche giornata mi aiutano mia nuora e mio figlio, il fine settimana, quando ci sono lavori pesanti. Ho tre figli grandi: uno è sposato, la figlia è in America perché ha studiato là e si è fatta la sua strada, il terzo abita di più con me, non è sposato e lavora a Torino.

Oltre a fare i mercati la gente viene anche a comprare a casa mia: mi sono aggiustata qui, davanti a casa, dove ho messo una bilancia con i prodotti."


Morariu Ana produce: