Verdura

Cavolini di Bruxelles

Buscaglia Jole

"Qui da noi vanno li dobbiamo piantare il più presto possibile, a maggio, loro poi producono solo in autunno però prima li piantiamo più crescono, vengono alti e fanno foglie; e per ogni foglia che fa la pianta, attaccato alla foglia nasce un Bruxelles. La qualità del Bruxelles un po’ dipende dalla qualità e un po’, come cavoli e verze, se prendono il freddo diventano più buoni. La pianta bisogna farla partire bene quando seminiamo perché un po’ delicata, però poi quando è partita è abbastanza robusta e infatti fa un gambo grosso come il manico di un badile. Una volta piantati diamo una volta o due lo zolfo o il verderame per disinfettarli. Per la raccolta ci portiamo dietro la cassetta, togliamo le foglie e raccogliamo uno per uno il cavoletto che rimane attaccato alla pianta. Come per le verze, magari togliamo il primo giro di foglie.

A casa noi li mangiamo tantissimo crudi, sono la fine del mondo: li tagliamo il più sottile possibile e li condiamo così, crudi."



Origine: Italia


Cavolini di Bruxelles