Latte, formaggio

Yogurt greco

Mozzarella da Re di Antonio Copeta

"La consistenza dello yogurt greco, molto più densa rispetto al classico yogurt, è dovuta a un processo di filtraggio maggiore: procedimento che aiuta a diminuire la presenza di lattosio nel composto. Lo yogurt, per quanto abbia una scadenza, è meglio acquistarlo e consumarlo perché col passare del tempo si affievoliscono le proprietà. La scadenza che indichiamo non è tanto perché lo yogurt non è più buono ma perché i fermenti, dopo un po’, muoiono: nell’acidità stessa del prodotto non vivono a lungo, dopo un po’ di tempo diminuiscono e con meno fermenti diminuiscono i benefici dello yogurt.

I miei prodotti sono senza conservanti e non hanno l’antimuffa. Le muffe esistono dappertutto e se non metti l’antimuffa si possono sviluppare. Già intorno a 11-15° ma anche a 3°, quindi anche nel frigo di casa. Io dico sempre che i prodotti vanno consumati freschi. Le muffe blu ci sono in caseificio. Comunque è una muffa buona, è mangiabile. La muffa è come il fungo, la spora sta lì per anni, se non trova le condizioni ideali non si sviluppa. Non è che entra dopo, l’abbiamo già dappertutto, perché le muffe ci sono. O metti l’antimuffa, e non crescono, se no, quando trovano il substrato ideale, magari chiuso col tappo c’è un po’ di aria, basta toglierla col cucchiaino e si mangia.
Abbiamo scelto di non mettere l’antimuffa perché l’alimento è più ricco, non ha conservanti, l’unica conservazione dei nostri prodotti è la temperatura".


Modalità di conservazione: conservare a +2/4°C.

Yogurt greco.
Ingredienti: yogurt (LATTE intero, fermenti lattici specifici vivi: Lactobacillus bulgaricus, Streptococcus Thermofilus).

Origine del latte: Italia

Numero di riconoscimento sanitario: IT Z986F CE


Origine: Italia


Yogurt greco