Frutta

Mandorle Pizzute sgusciate, non pelate

Contratto di Rete Filiereque Iblee

Il mandorlo appartiene alla famiglia delle Rosacee. Nel Val di Noto, tra le province di Siracusa e Ragusa, ha trovato il suo habitat ideale, producendo varietà di tale pregio, come la Pizzuta, da diventare un marchio conosciuto in tutto il mondo: la "Mandorla di Avola".

La Pizzuta ha un guscio duro e liscio, dai pori piccoli. Il suo seme ha la forma piatta, dal colore rosso cuoio; un contenuto di olio intorno al 54%, poche fibre e contiene in misura maggiore amigdalina, ottima anche per il latte di mandorla. Ricca di fosforo, magnesio, potassio, vitamina E e B2.


Ricetta per il latte di mandorle
Metti in ammollo 100 g di mandorle in una ciotola con 250 g di acqua per almeno un’ora. Trascorso questo tempo, versa sia le mandorle che l’acqua in un mixer dotato di lame d’acciaio e aggiungi i restanti 250 g di acqua e 4 g di miele. Frulla tutto fino a ottenere una crema omogenea, poi filtra il composto ottenuto conun colino a maglie strette. Mescola bene con un cucchiaino per separare la parte liquida da quella solida, quindi fai riposare in frigorifero per almeno un’ora. Servi il latte di mandorla freddo o a temperatura ambiente.
Si conserva per due/tre giorni in contenitore chiuso, se conservato in frigorifero.


Origine: Italia


Mandorle Pizzute