Pane, cereali

Fusilli di farro semi integrali

Davide Fulcheri

"Coltivo il farro con metodo biologico, la varietà è il dicocco, quello che si utilizza solitamente per fare la pasta secca. Quello che coltivo viene tutto trasformato in farina: o vendo la farina o vendo la pasta che si ottiene con questa farina. La gente non è abituata a mangiare l’integrale puro, perché di solito quello che trovi commerciale è una farina macinata a cilindrico con aggiunta di crusca a parte. Per questo la mia pasta è semi integrale: ha un gusto un po’ più morbido al palato rispetto all’integrale al 100%, che risulta molto ruvida al palato.

Il seme del farro lo faccio io, l’ho comprato la prima volta 5 anni fa e ora me lo mantengo io. Macino io e poi porto la farina a un laboratorio che fa la pasta utilizzando trafile in bronzo ed eseguendo l'essicazione a bassa temperatura.

La mia pasta è scura perché è macinata a pietra e perché probabilmente è un colore dato dalla coltivazione della nostra zona. Tiene bene la cottura, bastano 6-8 minuti. L’importante è buttare la pasta quando l’acqua è in ebollizione, se la si butta al primo accenno di bollore tende a scuocere fuori e rimanere cruda dentro, è un fatto di temperature."



Origine: Italia


Fusilli di farro