Pane, cereali

Grano saraceno decorticato

Azienda agricola Priotti Paolo

"Abbiamo iniziato a coltivare il grano saraceno qualche anno fa, è una coltivazione che qui già storicamente si faceva. Noi coltiviamo con metodi biologici, quindi seminativi, che significa rotazioni colturali. All'interno delle rotazioni colturali il grano saraceno può essere utilizzato sia come coltura da sovescio, e ogni tanto facciamo così, che come coltura da reddito e quindi per farlo iniziare per poi avere la semenza, per seminarlo, farci i nostri sovesci e per averlo come prodotto in più perché spesso si usa come seconda coltura dopo un vernino, un grano o roba del genere in maniera da ottimizzare l'utilizzo dei campi.

Coltiviamo con metodi biologici, il che significa nessun utilizzo di chimica né diserbo, niente. Quello che facciamo è che dopo la prima coltivazione, che può essere un cereale vernino, o un pisello, puliamo il campo, lo riprepariamo, lo seminiamo. Uno dei vantaggi del grano saraceno è che è molto competitivo, cresce molto velocemente e quindi fa una buona lotta contro le malerbe. Questo aiuta poi anche per tenere pulito il campo per la coltura successiva. Ha bisogno di pochissimo, non ha bisogno di acqua. Altra cosa importante, secondo noi, è quella di coltivare delle cose che abbiano un impatto ambientale più basso possibile, quindi colture che per noi richiedono tanto tipo il kiwi, i mais ibridi attuali, noi non li coltiviamo proprio perché non ci sembra giusto dover consumare tutta quell'acqua.

Altra cosa interessante è che il grano saraceno fiorisce molto tardi, quando non ci sono più tante altre fioriture e questo è una cosa interessante anche per le api.

Dal punto di vista nutrizionale il grano saraceno è un alimento abbastanza nutriente, ha vitamine, non ha glutine, è bello digeribile, lo si può cucinare come fosse un riso oppure, essendo molto saporito, anche le gallette vengono molto buone perché hanno questa nota tostata molto interessante; lo si può usare per fare la polenta in miscela alla farina di mais."



Origine: Italia


Grano saraceno