Agricoltura nativa

19 marzo Festa del papà

La birra Imperial Stout di Alessandro Boero

In occasione della festa del papà AgriSpesa presenta la più recente creazione del maestro birraio Alessandro Boero: la birra Imperial Stout dell'Agribirrificio di Frassino (Cn) in val Varaita.

Alessandro produce birre artigianali in alta val Varaita dal 2006. Tutte le birre dell'Agribirrificio nascono da ingredienti scelti di cui oltre la metà è prodotto direttamente dall'azienda agricola nata con il birrificio mentre le altre vengono acquistate esclusivamente da produttori locali. La qualità dell'acqua gioca un ruolo chiave per la preparazione di una buona birra e questo è il principale motivo che ha portato Alessandro ad avviare la sua attività in Val Varaita.

“Siamo in montagna,”- ci spiega –“l’unico vantaggio che abbiamo è l’acqua. In una birra, più del 90% è acqua. Il resto, mancanza di servizi, problemi logistici, neve, ... anche se comporta parecchi svantaggi, passa in secondo piano”.

La ricetta della birra Imperial Stout ha una storia che risale al XVIII secolo. Le prime birre associate a questo nome infatti furono realizzate nel birrificio londinese di Thrale per essere esportate in Russia alla corte dell’imperatrice Caterina II.

L' Imperial Stout è una birra ottenuta da malto d'orzo ad alta fermentazione (cioè prodotta facendo “lavorare” i lieviti a temperature più elevate ovvero a 20-22 C°) caratterizzata da un grado alcolico decisamente più elevato rispetto alle altre tipologie di Stout. Questa peculiarità è dovuta al fatto che storicamente le birre destinate all’esportazione dovevano contenere più alcool per poter giungere inalterate a destinazione dopo lunghi viaggi via terra o per mare. “E' una birra che va gustata a temperatura ambiente” - conclude Alessandro - “ideale per un dopo cena accompagnata con quadratini di cioccolata fondente.”

Aggiungi un commento
Pubblicato da Redazione il 1 marzo, 2016 - 00:30

Perchè un blog?

Per raccogliere la voce di tante persone che, come noi, hanno a cuore i temi dell’agricoltura, dell’ambiente, della salute.
Per conoscerci e costruire insieme possibili esperienze di economia sostenibile.
 

 

 


Bookmark and Share