Alimentazione e bambini

Lo svezzamento

dallo svezzamento al pasto bio nella scuola

Ho conosciuto Luciano Proietti quasi trent'anni fa, quando mi interrogavo su come crescere le mie bimbe sane. Il suo contributo ci fu di grande aiuto per introdurre nella Scuola Materna di Magliano Alfieri una maggiore cura al cibo della mensa scolastica.
Da allora seguo con attenzione la sua ricerca onesta e seria sulla salute dei bambini
Qualche giorno fa una giovane donna in gravidanza mi ha parlato del suo desiderio di informarsi, di sapere di più su come crescere bene, fin dalla "pancia" la sua creatura. Le ho suggerito una bella rivista, D&D curata da Verena Schmid ( http://www.marsupioscuola.it/) e le ho promesso di attivare sul nostro blog uno scambio di esperienze su gravidanza, allattamento, svezzamento.
Questa sezione, Alimentazione e bambini ha già ospitato interventi di genitori che vorrebbero garantito cibo sano anche nelle mense scolastiche.
Così ho pensato di proporre settimanalmente proprio in questa sezione, un contributo di studiosi come Luciano Proietti che tanto hanno lavorato su questi temi. Per me sarà come ripercorrere il cammino che mi ha portata a svolgere il mio attuale lavoro, trent'anni ricchi di incontri con persone che disinteressatamente cercano di capire cioè che è il bene per l'uomo e per il mondo.

ALIMENTAZIONE BIO A CASA E A SCUOLA:
dallo svezzamento al pasto bio nella scuola
di Luciano Proietti*, pediatra

...per far crescere i propri figli in salute fisica e mentale[...] il fattore principale è sicuramente l'alimentazione: se il cibo è scarso, il bambino crescerà poco; se il cibo è troppo, il bambino crescerà troppo; se il cibo è inquinato, crescerà inquinato; e in tutti e tre i casi si ammalerà.

http://www.scienzavegetariana.it/nutrizione/AlimBio.html

Aggiungi un commento
Pubblicato da il 20 settembre, 2010 - 09:35

Perchè un blog?

Per raccogliere la voce di tante persone che, come noi, hanno a cuore i temi dell’agricoltura, dell’ambiente, della salute.
Per conoscerci e costruire insieme possibili esperienze di economia sostenibile.
 

 

 


Bookmark and Share